Sanità Comiso 23/12/2011 15:48 Notizia letta: 6305 volte

Rsa di Comiso, Ammatuna sta con i precari

No alla gara aperta
http://comiso.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/23-12-2011/1396122837-rsa-di-comiso-ammatuna-sta-con-i-precari.jpg&size=414x500c0

Comiso - Nel corso della seduta del 21 dicembre scorso, l’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato una mozione, a firma dell’on. Ammatuna, affinché si proceda ad una ridefinizione della scelta effettuata dall’Asp di Ragusa di indizione di una procedura aperta per la scelta del privato contraente per l’affidamento, per tre anni, della gestione della RSA di Comiso.

Con l’atto presentato dal parlamentare regionale del PD ed approvato dall’Ars, si impegna il Governo regionale e per esso l’Assessore Regionale alla Salute ad attivarsi immediatamente per modificare la scelta effettuata dalla direzione generale dell’Asp di Ragusa che rischia di penalizzare figure che, pur nella loro precarietà, assicurano un servizio di qualità ai pazienti. Con la delibera n. 1902 del 2 dicembre 2011 l’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa ha proceduto all’indizione della procedura aperta per la scelta del privato contraente per l’affidamento, per tre anni, della gestione della RSA di Comiso. La volontà di reperire all’esterno infermieri, operatori socio sanitari ed ausiliari significa mortificare i tanti precari che svolgono funzioni analoghe e che sono in attesa di una stabilizzazione. La decisione assunta dai vertici dell’Asp di Ragusa non trova giustificazione normativa perchè l’art. 21 della legge 14 aprile 2009, n. 5 “Norme per il riordino del Servizio sanitario regionale”, sancisce il divieto di esternalizzazioni delle funzioni da parte delle Aziende del Servizio sanitario regionale. Pur esistendo la possibilità di derogare a questo divieto, con provvedimento motivato da sottoporre alla preventiva approvazione dell’Assessorato regionale della Sanità e da comunicare successivamente alla Corte dei Conti, vi si può ricorrere soltanto nei casi di comprovata necessità derivante da carenza di organico. La ratio della deroga si riferisce a ben altre fattispecie, come ad esempio l’affidamento di un incarico ad una persona di spicco della professione medica, non certamente a figure professionali facilmente reperibili all’interno del proprio organico. “Con la mozione approvata dall’Ars – afferma l’on. Ammatuna – l’Assessorato Regionale alla Salute potrà intervenire per modificare la scelta della direzione generale dell’Asp di Ragusa”.

 

Redazione
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif