Cronaca Comiso 05/09/2017 11:53 Notizia letta: 3037 volte

Volevano giocare gratis al 10 e lotto, arrestati tre giovani

E' successo in un bar
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani-500.jpg
  • http://comiso.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/1504606419-1-volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani.jpg&size=448x500c0
  • http://comiso.ragusanews.com/resizer/resize.php?url=http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/1504606419-2-volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani.jpg&size=421x500c0
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani-100.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/1504606419-1-volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani.jpg
  • http://www.ragusanews.com//immagini_articoli/05-09-2017/1504606419-2-volevano-giocare-gratis-lotto-arrestati-giovani.jpg

Comiso - Hanno tentato un'estorsione in un bar di Comiso ma i carabinieri li hanno arrestati. Si tratta di Vincenzo Favata, 23 anni, con precedenti penali, Michele Marinelli,  23 anni, con precedenti penali e Christian Puzzo, 18 anni, incensurato. Sono tutti accusati di estorsione in concorso perpetrata a danno di un bar del centro di Comiso.

I tre giovani si sono presentati nel pomeriggio di sabato all’interno dell’esercizio commerciale per consumare alcune bevande, e hanno poi iniziato a giocare al “10 e lotto”. Gli animi hanno iniziato a scaldarsi quando sono terminati i soldi e le vincite tanto attese non sono arrivate. I ragazzi allora hanno iniziato a minacciare di morte e a percuotere il barista per poter continuare a giocare, impedendogli di utilizzare il telefono cellulare e di comunicare così con l’esterno.

Alla fine, il barista è riuscito a comunicare con alcune persone che passavano all’esterno del bar e che poi hanno chiamato il numero d’emergenza 112. I tre avevano fatto giocate senza pagare oltre 1.500 euro.

Sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni e messi a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dott.ssa Valentina Botti, dinanzi alla quale dovranno rispondere del reato di estorsione in concorso. 

Irene Savasta
http://www.ragusanews.com//immagini_banner/1511111429-3-torre.gif